Oggi è gio nov 14, 2019 2:38 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 84 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mer giu 21, 2017 7:37 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 28, 2015 10:47 pm
Messaggi: 285
Finalmente, dopo tanto tempo, riesco a rifare un giro sulla mia x1/9... Impressioni? Completamente diverse da quelle che ebbi nel primo contatto. La prima volta, ricordo giusto per dovere di cronaca, era inverno, con le gomme ovali, una notte, con l'auto ancora non assicurata, ricordo che ero rimasto abbastanza sorpreso ed anche un po' intimorito. Abitacolo angusto e rumoroso (non c'era la ruota di scorta ed il rumore entrava dalla botola), il motore che picchiava in testa, il cambio che grattava terribilmente, i freni....a dir poco ridicoli...insomma, tante stranezze.
Ora le impressioni sono state sensibilmente diverse. Anzitutto un clima più adatto alla natura della X, un caldo pomeriggio d'estate. L'auto parte subito anche se a freddo non gira regolarissima: d'altronde me lo aspettavo, quel carburatore non è il massimo della funzionalità, ma dopo pochi secondi inizia a girare bene. Lo sterzo, in manovra, è più uro di prima (nuova scatola sterzo più diretta) ma manovrabile senza particolare sforzo. Appena mi muovo noto subito che i freni sono nettamente migliorati: non sono certo il punto forte della vettura ma ora l'auto si ferma, a patto di schiacciare con una certa forza il pedale. Innesto la prima e mi muovo, poi la seconda che finalmente entra senza rumoracci molesti. Appena fuori il paese accelero un po'. Anzitutto mi sorprende il comfort acustico: l'auto è nettamente più silenziosa di prima e di come me la aspettavo. Il comfort delle sospensioni...beh, che dire, è davvero bassa e rigida. Le strade attorno a Samassi sono ben asfaltate, le ho percorse spesso ricordandone lisce mentre ora improvvisamente...si sentono tanti piccoli avvallamenti che la fanno sussultare qua e là. Lo sterzo è finalmente diretto e preciso, lo avrei gradito più pesante in velocità per dare miglior feedback, risultato che si potrebbe raggiungere abbassando il muso di un paio di centimetri, ma è senza dubbio un bel passo avanti rispetto a prima.
Il motore ha un bel caratterino, provato fino a 5000 giri, ha una bella spinta, del tutto adeguata ad una spider sportiva sì, ma in fondo tranquilla e divertente, non un mostro spaccacronometro. Ai bassi regimi ha anche una bella coppia e l'erogazione è quella di un carburatore poco spinto, quindi da subito un bella botta quando si schiaccia tutto ed è un po' brusco, se non ci si fa l'abitudine. Tirando i giri non lascia certo a bocca spalancata ma insomma, il suo lavoro di portare in giro con brio la vettura lo fa. Invoglia ad essere tirato, questo mi piace moltissimo. Sono presenti dei momentanei mancamenti durante le accelerazioni, forse una messa a punto più precisa si può fare a livello di carburazione e anticipo, ma ora il motore quantomeno non detona più e si può usare senza timore di distruggere tutto. Durante la marcia il termostato rimane sotto i 90° (saranno 88) mentre in coda ho notato che la ventola attacca attorno a 95°, grossomodo e lì pare rimanere (ero in coda ad un assaggio a livello chiuso).
Il cambio...vorrei dire che è perfetto ma mentirei: è sempre gommoso ed impreciso negli innesti, il problema della terza he usciva fuori è stato risolto ma, in compenso, purtroppo gratta un po’ la terza. Questo mi ha ovviamente deluso un po' ma penso sia un problema risolvibile con una guida un po' più accorta. Certo nettamente meglio di prima, che era veramente imbarazzante. Non ho certo fatto test di prestazioni assolute ma le gomme Nankang semislick sembrano avere un buon grip.
I fari sono stati anch'essi regolati in altezza, prima uno dei due sparava la luce in alto accecando chiunque. Il bagagliaio posteriore sanato da qualche segno di ruggine e riverniciato perfettamente. L'abitacolo è un piccolo esempio di ergonomia...al contrario: praticamente tutto è sparpagliato in modo più o meno casuale, il contagiri che ruota al contrario, metà delle spie che non si vedono (una su tutte, quella del freno a mano), i pulsanti degli alzacristalli....doppi (un tasto per salire, un tasto per scendere). In altri termini, tutto è assolutamente non a portata di mano e, se non sei pratico dell'abitacolo, non trovi praticamente nulla dove te lo aspetteresti. Dettagli moderni...
Ad un certo punto decidiamo di fare il vero test finale: decidiamo di scoperchiare la vettura! Temevo di avere molte più turbolenze invece...invece è un incanto. E' piccola, leggera, agile, ragionevolmente scattante, maneggevole, te la senti cucita praticamente addosso e, togliendo il tetto, ti ritrovi anche immerso nella natura con l'aria che ti accarezza ed i profumi esterni che ti inebriano. Insomma, ti sembra di avere quasi le ali, se non fosse che puoi volare solo rasoterra! Siamo lontani secoli-luce rispetto alle auto moderne che saranno più "tutto" ma in realtà ti portano semplicemente a spasso come un semplice occupante, in un ambiente ovattato e confortevole.
Bella, bella davvero. Paolo ha fatto davvero un lavoro fantastico, l'auto era solo parzialmente messa bene, invece i lavori fatti sono stati davvero tantissimi perché in realtà era stata trascurata moltissimo da tutti i precedenti proprietari, prova ne siano gli innumerevoli bozzi sulla carrozzeria dovuti a colpi coi manubri delle bicicletta (!!!) e meccanicamente dimostrava il doppio dei km fatti. Ameno la ruggine ha deciso di non accanirsi e parrebbe essere sana, da questo punto di vista. Ma il tempo e la cura messa per risolvere i tantissimi difettucci qua e là sparpagliati e nascosti, beh, è stata tanta: onore a chi ci si è dedicato tutto questo tempo!
Soddisfatto, con un unico rimpianto: non aver potuto portarla via subito.
Prossimi passi: sostituzione rubinetto riscaldamento che perde. Poi, quando avr trovato qualcuno pratico, regolazione carburazione e anticipo (adesso stranamente settata sull'anticipo di fabbrica, detona). Nel prossimo inverno sicuramente arriverà un bell'upgrade dell'impianto franante: arrivata oggi la pompa freni maggiorata, pinze uno turbo davanti e fiat 125p dietro già in cantina!
Intanto se qualcuno volesse la sua scatola sterzo originale e gli ingranaggi del cambio vecchio da revisionare, può contattarmi!

*Piccola curiosità. Durante il giro Paolo mi confessa: "Quando l'ho guidata la prima volta, ancora con tutti i difetti, ho pensato che tu avessi comprato un bidone, ma non avevo il coraggio di dirtelo. Ora no, tutt'altro, è davvero godibilissima!"


Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su Google+
Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: sab giu 24, 2017 3:00 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mer mar 04, 2009 8:34 pm
Messaggi: 2709
Località: PE
Auto: X1/9 five speed
Strosek ha scritto:
il contagiri che ruota al contrario, metà delle spie che non si vedono (una su tutte, quella del freno a mano)


Il contagiri a rovescio non è un'esclusiva della X nel senso che ci sono altre vetture che lo hanno. Se ci rifletti, ha anche una ragione pratica ben precisa che tu stesso riporti nel tuo commento :wink: ovvero se fosse "destrorso" come il tachimetro sarebbe come la metà delle spie, cioè invisibili e proprio nella porzione più importante.
Il fatto che giri sinistrorso non è per un capriccio stilistico ma proprio per far sì che risulti meglio visibile proprio nella parte 4000-7000 giri, se fosse stato destro (come in alcune versioni) quel range di giri motore sarebbe stato molto meno visibile
La spia del freno a mano è anche lampeggiante, difficile trovare qualcosa di analogo nelle auto della stessa epoca così come risulta difficile non accorgersene a meno di non essere sotto il pieno sole a picco anche se non è proprio posizionata davanti agli occhi!


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: sab giu 24, 2017 3:47 pm 
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 19, 2006 10:31 pm
Messaggi: 2869
Località: Gozzano (No)
Auto: X1/9 telaio 2960
Tra le tante cose belle di queste macchine...
Buon divertimento con la tua bella X1/9! :D


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: mer giu 28, 2017 7:47 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 28, 2015 10:47 pm
Messaggi: 285
Homer64 ha scritto:
Strosek ha scritto:
il contagiri che ruota al contrario, metà delle spie che non si vedono (una su tutte, quella del freno a mano)

Il fatto che giri sinistrorso non è per un capriccio stilistico ma proprio per far sì che risulti meglio visibile proprio nella parte 4000-7000 giri, se fosse stato destro (come in alcune versioni) quel range di giri motore sarebbe stato molto meno visibile

No, infatti, conosco il motivo. Però non mi piace lo stesso, sicuramente mi ci devo abituare.
Cita:
La spia del freno a mano è anche lampeggiante, difficile trovare qualcosa di analogo nelle auto della stessa epoca così come risulta difficile non accorgersene a meno di non essere sotto il pieno sole a picco anche se non è proprio posizionata davanti agli occhi!

Diciamo che, per la posizione di guida che avevo io quel giorno, era esattamente coperta dalla corona del volante quindi non esagero se dico che non si vedeva assolutamente.


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: mer ago 09, 2017 8:48 am 
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 28, 2015 10:47 pm
Messaggi: 285
Finalmente ho ritirato la vettura dopo la lunga opera di Paolo che l'ha riportata in vita. Colgo l'occasione per ringraziarlo anche qui: se non fosse stato per lui, non avrei mai avuto la possibilità di avere una X! Grazie di cuore.
Aggiungo ai ringraziamenti Franco per avermi contagiato la passione oltre a sorbirsi le mie lagne e darmi tanti consigli utili. Aggiungo anche Camillo che mi ha recuperato un sacco di ricambi e dato un sacco di informazioni sulla vettura, ogni volta con pazienza e precisione!
Parto per il trasferimento, 300km. Appena presa vado con Paolo a fare benzina e scopro come farmi la doccia!! Paolo mi spiega che devo tenere la pistola inserita a metà e fare piano, altrimenti succede quello che ho visto. Cominciamo bene, penso io...
I primi km, di notte, sono strani. La X è davvero rigida e salta qua e là sulla strada, lo sterzo molto diretto da il suo contributo alla traiettoria da ubriaco. E dire che vengo da una 147 quindi non esattamente una placida utilitaria... Pian piano che i km scorrono trovo la vettura inaspettatamente comoda e silenziosa, almeno fino a 120km/h, assetto escluso. I fari delle altre auto sono sparati spesso negli occhi, quelli della X illuminano sorprendentemente bene, a parte la quantità di luce che è poca e si nota solo quando intorno non ci sono altre sorgenti luminose. Pian piano mi sto abituando al cambiare senza far grattare la terza, la prima e la seconda sono perfette. L'atmosfera è bella calda per il calore che viene dal motore. I freni....ora frena, non tanto ma non è così spaventosa come la prima volta che la guidai. Ieri, guidandola finalmente di giorno, ho preso una rotonda e...non volevo più uscirne! Ogni giro più veloce, lei molto equilibrata, le gomme sono eccezionali ed hanno una grande tenuta. Temo che finirò con l'innamorarmi perdutamente....
Passo ai primi problemi che ho riscontrato:
1) Sicuramente il radiatore è da revisionare, ma ho notato curiose oscillazioni di temperatura. In marcia tutto sommato sembra andare, ma appena si scende a bassa velocità, e regimi, scalda. Addirittura se si mette in folle in una discesa, il motore scalda invece di raffreddare! La ventola davanti funziona ma interviene con molto ritardo, talvolta non interviene affatto con il motore a oltre 100 gradi e non capisco bene cosa stia leggendo il sensore sul radiatore anteriore... Forse il radiatore è così intasato che il flusso d'acqua sul sensore è poco preciso?
2) I ganci posteriori sul tetto sono nuovi ma il lato guida non blocca bene il tetto mentre quello passeggero si incastra un po'. C'è modo di regolarli?
3) Alette parasole. Ho fatto il viaggio sollevando l'aletta ogni buca o avvallamento che trovavo. Non vedo modo per regolare la durezza perché l'aletta ruota solidale coi perni. Come posso fare? Alette da sostituire (mi sembra che siano un collage di plastica e colla).


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: mer ago 09, 2017 1:28 pm 
Avatar utente

Iscritto il: sab mar 12, 2011 9:53 pm
Messaggi: 5430
Località: Genova
Auto: Bertone X1/9
Bene! :P Il lavoro più grosso è stato fatto,adesso vengono i lavori di rifinitura!!! :mrgreen:
Per le alette parasole devi avvitare le viti all'estremità una per parte! Per regolare il tettuccio bisogna allentare la piastra con le 4 viti sul roll-bar e farla slittare avanti o indietro! per qualsiasi altro consiglio sono sempre a disposizione!!! :wink:


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: mer ago 09, 2017 7:12 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 28, 2015 10:47 pm
Messaggi: 285
Ciao Camillo. Ricordavo i tuoi consigli, ho cercato di metterli in pratica ma:
La piastra sul rollbar è fissata con quattro viti ma mollandole non si muove, i fori sulla piastra sono esattamente a misura per le Viti, non hanno asole.
Ho individuato la vite che dici tu. A parte che sono spanate, le viti serrano il perno che gira assieme all'aletta, quindi stringendole non cambia. Se non sono riuscito a spiegarmi, faccio delle foto.
Grazie ancora.


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: mer ago 09, 2017 8:30 pm 

Iscritto il: gio set 03, 2009 6:07 pm
Messaggi: 119
Località: Genova
Auto: non ho più una X 1/9
Strosek ha scritto:
Ciao Camillo. Ricordavo i tuoi consigli, ho cercato di metterli in pratica ma:
La piastra sul rollbar è fissata con quattro viti ma mollandole non si muove, i fori sulla piastra sono esattamente a misura per le Viti, non hanno asole.
Ho individuato la vite che dici tu. A parte che sono spanate, le viti serrano il perno che gira assieme all'aletta, quindi stringendole non cambia. Se non sono riuscito a spiegarmi, faccio delle foto.
Grazie ancora.

le asole non sono sulla piastra, ma sulla carrozzeria.. allenta le viti bene ma senza toglielrle del tutto e dai qualche colpetto alla piastra, vedrai che prima o poi molla.
Per le alette la vite non dovrebbe girare solidale con il perno, c'è qualcosa che non quadra.


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ago 10, 2017 9:05 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 28, 2015 10:47 pm
Messaggi: 285
Vi ringrazio, avevate ovviamente ragione: ho dato qualche colpetto col martello e le piastre si sono mosse. Voglio pulire e poi lubrificare gli alloggiamenti dei perni, come mi ha consigliato Camillo.
Alette parasole. Quella lato guida ha i perni che girano nella plastica, quella passeggero no, ma sicuramente non sono in condizioni eccelse vista la colla che si vede sui supporti in plastica....
Stamattina dopo i morsetti ho cambiato anche la batteria (che dava a vuoto 12V) e, udite udite, sono riuscito ad accenderla sempre col motorino di avviamento e non a spinta :mrgreen: Spero di aver risolto quel problema.
In compenso ho avuto la malaugurata idea di tornare dal meccanico che ieri mi aveva sistemato l'auto per alzare un po' il minimo. Non c'era lui ma il figlio. L'avessi mai fatto: non ha toccato la vite del minimo ma un'altra vite, quella che fa da battuta alla grossa leva su cui termina l'acceleratore, quindi lato passeggero, ma rivolta verso l'abitacolo. Penso sia il minimo accelerato. Risultato: minimo a 2000 giri... Poi ho riportato tutto a livelli non perfetti ma accettabile, ora ho il minimo a 1100/1000, leggermente alto ma va bene, aspetto che qualcuno sappia regolare bene tutto l'impianto di accensione e carburazione ma forse prima arriverà l'accensione elettronica.
Capitolo radiatore: talvolta la ventola attacca tardi, anche a 110 gradi, ma quando parte l'acqua smette di scaldare. A volte attacca prima. Radiatore diciamo al limite, presto farò qualcosa. In marcia la temperatura rimane sui 90 gradi con qualche oscillazione.


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ago 11, 2017 12:03 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mer mag 04, 2005 11:34 am
Messaggi: 5953
Località: Montopoli di Sabina (RI)
Auto: Fiat X1/9 Five Speed
Il termostato è nuovo?
Probabilmente si è starato :wink:


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ago 11, 2017 3:03 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 28, 2015 10:47 pm
Messaggi: 285
Intendi il bulbo della temperatura sul radiatore? Non l'ho sostituito, lo farò appena sistemerò il radiatore.


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ago 11, 2017 9:08 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mer mar 04, 2009 8:34 pm
Messaggi: 2709
Località: PE
Auto: X1/9 five speed
Sull'impianto di raffreddamento e le sue problematiche più comuni puoi trovare tutte le risposte e le soluzioni nella sezione "meccanica e carrozzeria" del forum.
Gli interventi più semplici e a buon mercato che danno risultati apprezzabili sono :
- svuotamento dell'impiato
- risciacquo accurato con acqua corrente, staccando il manicotto di ritorno sul radiatore ed infilando un tubo con acqua corrente nella vaschetta di espansione. Ricordati di aprire anche il riscaldamento in maniera che anche nel radiatorino circoli acqua pulita.
- Lasciare circolare acqua nell'impianto fino a quando non vedi uscire acqua limpida dal radiatore.
- Dopo aver rmesso il manicotto al suo posto procedi al riempimento con acqua demineralizzata e antigelo al 50 %
- a riempimento effettuato, metti in moto e, sempre tenendo aperto il riscaldamento, effettua lo spurgo aria tramite la vite a brugola in cima al radiatore ( ci si accede dal vano bagagli lato guida)
- Rimetti al giusto livello il liquido nella vaschetta di espansione, richiudi il riscaldamento e.......buon divertimento !
Al netto di eventuali gravi intasamenti da calcare vedrai che la temperatura di esercizio tornerà a livelli ottimali in ogni situazione senza dover ricorrere a complicati interventi e/o costose modifiche
:wink:
P S = Tieni presente che a bassissime velocità o in sosta a motore acceso è abbastanza normale avere una certa "sofferenza", soprattutto con le temperature estreme di questa estate eccezionalmente torrida, per questo è molto utile e relativamente semplice montare un interruttore in parallelo al bulbo termostatico in maniera tale da poter attivare la ventola a piacimento anche prima del raggiungimento dei fatidici 90-92 gradi.
Con un minimo di manualità e conoscenza elettriica è un lavoro che si realizza in dieci minuti e la modifica è di grandissima utilità...


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: sab ago 12, 2017 10:07 am 
Avatar utente

Iscritto il: mer mag 04, 2005 11:34 am
Messaggi: 5953
Località: Montopoli di Sabina (RI)
Auto: Fiat X1/9 Five Speed
Strosek ha scritto:
Intendi il bulbo della temperatura sul radiatore? Non l'ho sostituito, lo farò appena sistemerò il radiatore.

Si esatto.

Ho effettuato il lavoro descritto da Homer perché ho dovuto cambiare il rubinetto del riscaldamento e a quel punto ho pulito ben bene l'impianto nonostante non ho mai avuto problemi di temperatura.
Dopo il lavoro ho dovuto cambiare anche il bulbo in quanto entrava tardi e funzionava per pochi minuti costringendomi, a volte, ad azionare il riscaldamento in aiuto all'impianto. Si era starato.
Cambiato il bulbo tutto ok.


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: sab ago 12, 2017 1:40 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 28, 2015 10:47 pm
Messaggi: 285
Sicuramente farò pulire il radiatore, vedremo cosa succede. Possibile che sia addirittura incrostato, probabilmente c'è stato messo il turafalle. E cambierò anche il bulbo, come mi hai suggerito, perché i sintomi mi sembrano analoghi.


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: gio ago 17, 2017 12:37 am 
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 09, 2012 11:16 pm
Messaggi: 4326
Località: Leno (Bs)
Auto: X1/9 Turbo I.E.
:D L'oscillazione della temperatura è sinonimo di aria nel circuito, hai spurgato il radiatore tramite l'apposita vite di sfiato in alto a sinistra? :?:


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ago 25, 2017 8:18 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 28, 2015 10:47 pm
Messaggi: 285
Alla fine c’è stato lo sbarco…e la piccola X è entrata ufficialmente tra le mie mani. Dovrei e vorrei dire molte cose...
La consegna del mezzo è stata purtroppo frettolosa. Avrei voluto fermarmi di più con Paolo e magari bere una birra insieme, ma l’azione combinata di ritardo trenitalia e della mia ragazza che mi attendeva per cena non mi ha lasciato molto tempo, nonostante Paolo sia venuto a raccogliermi alla stazione di un paese vicino (ancora grazie!). Appena consegnata l’auto, penso giustamente di andare a fare benzina, visto che il serbatoio era quasi vuoto. Pensiero innocente, cosa ci sarà di male? Infilo la pompa nel bocchettone, premo e dopo pochi secondi…sbuff, una bella doccia di benzina, addosso a me (che è male) e sopra il cofano del motore (che è peggio) che è lì accanto. Così Paolo mi spiega di estrarre un po’ la pistola e di rifornire lentamente. Anche il buon Camillo, saputo dell'attentato incendiario, la sera mi chiama e mi spiega cosa fare in queste situazioni (a proposito, devo comprare un estintore da tenere in macchina...). Come inizio non c’è male, penso: ha già cercato di ammazzarmi…
I primi km mi sento in una dimensione parallela. Tetto aperto, la macchina che salta letteralmente su ogni minima asperità del terreno (poi scoprirò dovuta in parte ad una errata pressione di gonfiaggio dei pneumatici dovuti ad un’incomprensione del gommista); quando cala la notte quando scopro che i fari hanno un fascio luminoso molto più ampio di quello che pensavo, ma anche molto più debole. In termini pratici se anche in lontananza c’è acceso un lumino, la luce dei fari si perde; diversamente, nel buio completo si vede bene. Inoltre, quando un’auto mi segue, vedo chiaramente l’ombra della X davanti a me e, lateralmente, la luce dei fari della macchina posteriore, ma davanti non si vede nulla. Altro aspetto pericoloso, si è seduti talmente in basso che se un’auto che procede in senso inverso ha i fari anche solo leggermente più alti di quanto dovrebbe (e ce ne sono tanti…), me li ritrovo sparati negli occhi.
Arrivato a destinazione, cosa può fare? Esatto: si spegne e non riparte. Motivo? La batteria buona che mi aveva dato Paolo in sostituzione di quella di 8 anni fornita insieme all’auto era letteralmente…morta. Così mi tocca montare l’altra, la sera del giorno dopo quando faccio i primi 300km di strada, sempre di notte per sfuggire al caldo assurdo di quei giorni. Devo dire che dentro, alla fine, si sta comodi: il motore non è troppo rumoroso, l’assetto è rigido ma il sedile è molto comodo, la posizione di guida tutto sommato corretta. Certo l’atmosfera è calda, la paratia posteriore si scalda sensibilmente, ma l'abitacolo minuscolo è ben areato. Azzardo una puntata a 140km/h ma l’auto non fa una piega. Bisogna solo stare attenti a tanti piccoli ostacoli nascosti nel manto stradale che talvolta la fanno letteralmente…decollare.
Piccolo aneddoto: durante il viaggio vengo affiancato da un’alfa che mi sorpassa lentamente. Com’è alta, penso, dev’essere lo Stelvio. Era una Giulietta…
Nei giorni successivi mi ha giocato vari scherzi elettrici, dovuti ad un morsetto della batteria difettoso (Paolo, fortunatamente, mi aveva detto di farlo sostituire) ma ho anche sperimentato che…c’è sempre qualcuno disposto a darmi una mano, e una spinta, in caso di bisogno, magari gli faccio pena. L’ho guidata un po’ di giorno su strade varie, anche se sempre con le gomme troppo gonfie. Che dire…la leggerezza, le masse accentrate vicino al baricentro ed il motore posteriore sono tutti elementi che si sentono e fanno, ognuno di loro, il loro lavoro: l’avantreno è preciso e leggero e forzando l’andatura non tende a partire. Il retrotreno è imbullonato a terra a meno di non farlo saltare su qualche asperità, ma ho coscienziosamente evitato di scoprire cosa succede in questi casi. Non è un mezzo da guidare con irruenza ma un compasso da usare con precisione.
La cosa che la differenzia maggiormente dai bisonti di 1700kg almeno che gironzolano, anche ottimamente, sulle strade di oggi, è l’accoppiata massa ridotta + ridotta altezza da terra. In termini pratici, senti la macchina cucita addosso, molto comunicativa e sincera.
Mi sto divertendo a collezionare le smorfie delle persone che salgono la prima volta in auto, seguito dallo sbuffo del sedile su cui precipitano, sempre più basso di quello che pensano.
Ci sono ancora un po’ di cose da fare, in verità. Anzitutto pulire o sostituire il radiatore, probabilmente intasato, e montare un comando manuale per la ventola di raffreddamento, per risolvere le vampate che la affliggono appena trova un po’ di coda. Non vi dico quando ho dovuto metterla nella stiva della nave: in coda con riscaldamento interno aperto al massimo, ventola del radiatore attaccata, cofano motore spalancato temperatura a 100°. Questo è sicuramente l’intervento più urgente da fare, accanto ad una messa a punto del carburatore (sputtanata da un meccanico sbagliato che doveva solo alzare il minimo) e dell’anticipo.
Contento? Sì, assolutamente.


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: ven ago 25, 2017 9:43 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mer ott 28, 2015 11:32 pm
Messaggi: 123
Località: Pistoia
Auto: Fiat X1/9 1300
Strosek ha scritto:
Alla fine c’è stato lo sbarco…e la piccola X è entrata ufficialmente tra le mie mani. Dovrei e vorrei dire molte cose...
La consegna del mezzo è stata purtroppo frettolosa. Avrei voluto fermarmi di più con Paolo e magari bere una birra insieme, ma l’azione combinata di ritardo trenitalia e della mia ragazza che mi attendeva per cena non mi ha lasciato molto tempo, nonostante Paolo sia venuto a raccogliermi alla stazione di un paese vicino (ancora grazie!). Appena consegnata l’auto, penso giustamente di andare a fare benzina, visto che il serbatoio era quasi vuoto. Pensiero innocente, cosa ci sarà di male? Infilo la pompa nel bocchettone, premo e dopo pochi secondi…sbuff, una bella doccia di benzina, addosso a me (che è male) e sopra il cofano del motore (che è peggio) che è lì accanto. Così Paolo mi spiega di estrarre un po’ la pistola e di rifornire lentamente. Anche il buon Camillo, saputo dell'attentato incendiario, la sera mi chiama e mi spiega cosa fare in queste situazioni (a proposito, devo comprare un estintore da tenere in macchina...). Come inizio non c’è male, penso: ha già cercato di ammazzarmi…
I primi km mi sento in una dimensione parallela. Tetto aperto, la macchina che salta letteralmente su ogni minima asperità del terreno (poi scoprirò dovuta in parte ad una errata pressione di gonfiaggio dei pneumatici dovuti ad un’incomprensione del gommista); quando cala la notte quando scopro che i fari hanno un fascio luminoso molto più ampio di quello che pensavo, ma anche molto più debole. In termini pratici se anche in lontananza c’è acceso un lumino, la luce dei fari si perde; diversamente, nel buio completo si vede bene. Inoltre, quando un’auto mi segue, vedo chiaramente l’ombra della X davanti a me e, lateralmente, la luce dei fari della macchina posteriore, ma davanti non si vede nulla. Altro aspetto pericoloso, si è seduti talmente in basso che se un’auto che procede in senso inverso ha i fari anche solo leggermente più alti di quanto dovrebbe (e ce ne sono tanti…), me li ritrovo sparati negli occhi.
Arrivato a destinazione, cosa può fare? Esatto: si spegne e non riparte. Motivo? La batteria buona che mi aveva dato Paolo in sostituzione di quella di 8 anni fornita insieme all’auto era letteralmente…morta. Così mi tocca montare l’altra, la sera del giorno dopo quando faccio i primi 300km di strada, sempre di notte per sfuggire al caldo assurdo di quei giorni. Devo dire che dentro, alla fine, si sta comodi: il motore non è troppo rumoroso, l’assetto è rigido ma il sedile è molto comodo, la posizione di guida tutto sommato corretta. Certo l’atmosfera è calda, la paratia posteriore si scalda sensibilmente, ma l'abitacolo minuscolo è ben areato. Azzardo una puntata a 140km/h ma l’auto non fa una piega. Bisogna solo stare attenti a tanti piccoli ostacoli nascosti nel manto stradale che talvolta la fanno letteralmente…decollare.
Piccolo aneddoto: durante il viaggio vengo affiancato da un’alfa che mi sorpassa lentamente. Com’è alta, penso, dev’essere lo Stelvio. Era una Giulietta…
Nei giorni successivi mi ha giocato vari scherzi elettrici, dovuti ad un morsetto della batteria difettoso (Paolo, fortunatamente, mi aveva detto di farlo sostituire) ma ho anche sperimentato che…c’è sempre qualcuno disposto a darmi una mano, e una spinta, in caso di bisogno, magari gli faccio pena. L’ho guidata un po’ di giorno su strade varie, anche se sempre con le gomme troppo gonfie. Che dire…la leggerezza, le masse accentrate vicino al baricentro ed il motore posteriore sono tutti elementi che si sentono e fanno, ognuno di loro, il loro lavoro: l’avantreno è preciso e leggero e forzando l’andatura non tende a partire. Il retrotreno è imbullonato a terra a meno di non farlo saltare su qualche asperità, ma ho coscienziosamente evitato di scoprire cosa succede in questi casi. Non è un mezzo da guidare con irruenza ma un compasso da usare con precisione.
La cosa che la differenzia maggiormente dai bisonti di 1700kg almeno che gironzolano, anche ottimamente, sulle strade di oggi, è l’accoppiata massa ridotta + ridotta altezza da terra. In termini pratici, senti la macchina cucita addosso, molto comunicativa e sincera.
Mi sto divertendo a collezionare le smorfie delle persone che salgono la prima volta in auto, seguito dallo sbuffo del sedile su cui precipitano, sempre più basso di quello che pensano.
Ci sono ancora un po’ di cose da fare, in verità. Anzitutto pulire o sostituire il radiatore, probabilmente intasato, e montare un comando manuale per la ventola di raffreddamento, per risolvere le vampate che la affliggono appena trova un po’ di coda. Non vi dico quando ho dovuto metterla nella stiva della nave: in coda con riscaldamento interno aperto al massimo, ventola del radiatore attaccata, cofano motore spalancato temperatura a 100°. Questo è sicuramente l’intervento più urgente da fare, accanto ad una messa a punto del carburatore (sputtanata da un meccanico sbagliato che doveva solo alzare il minimo) e dell’anticipo.
Contento? Sì, assolutamente.


E' un mesetto che guido la mia 1300 e condivido tutte le impressioni che riporti. Alla mia sono state cambiate le masse del radiatore e non ho mai avuto problemi di riscaldamento. Contento? Si! Assolutamente.


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: sab ago 26, 2017 9:15 am 
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 28, 2015 10:47 pm
Messaggi: 285
Posso chiederti qualche informazione in più sul radiatore? Dove hai fatto fare il lavoro e quanto ti è costato?
Grazie mille!


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: sab ago 26, 2017 3:56 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mer ott 28, 2015 11:32 pm
Messaggi: 123
Località: Pistoia
Auto: Fiat X1/9 1300
Strosek ha scritto:
Posso chiederti qualche informazione in più sul radiatore? Dove hai fatto fare il lavoro e quanto ti è costato?
Grazie mille!


Lo ha fatto fare il mio meccanico ad una ditta che produce radiatori, se non ricordo male, a Prato. Hanno utilizzato le fiancate originali sostituendo solo la massa radiante e mi è costato 220 euro. Io ho dovuto sostituirlo perchè si era formato un forellino e, prima di fare troiai con il turafalle e vista la spesa non esagerata per un radiatore praticamente nuovo.....


Top
Non connesso Profilo  
 
MessaggioInviato: sab ago 26, 2017 4:03 pm 
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 28, 2015 10:47 pm
Messaggi: 285
La casa del radiatore, forse? Anche io ho chiesto un preventivo lì. A 220€ è sicuramente un ottimo prezzo, a me hanno chiesto di più.


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 84 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Zenisator